PoliticaPrimo Piano

Anticipazioni del nuovo Dpcm in attesa della conferenza di Conte

Condividi

Fra poco parlerà il Presidente del Consiglio per presentare al popolo italiano l’ennesimo Dpcm con ulteriori restrizioni. Ora dichiarata alle 13.30.

Una mediazione lunga fatta di proposte, discussioni e richieste, a tratti disperate, per salvaguardare l’economia degli italiani già provati dal lockdown.

Tutto avvenuto con il principio unanime di salvaguardare la salute pubblica e il sistema sanitario che in questi giorni sta iniziando a boccheggiare. La firma al nuovo decreto è arrivata nella notte. Scontro sulla didattica a distanza per le classi superiori e soprattutto per la chiusura dei locali, come ristoranti, gelaterie e bar alle ore 18, e soprattutto quella definitiva delle palestre. A pagare ancora una volta sarà la cultura con la chiusura totale dei cinema e dei teatri. Le nuove misure saranno in vigore da domani fino al 24 novembre. Vediamo alcuni punti fondamentali che faranno parte delle nuove misure

LOCALI – Le attività dei servizi di ristorazione (tra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie) “sono consentite dalle 5 del mattino fino alle 18 del pomeriggio. Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. Dopo le 18 “è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico”. Resta consentita “senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati”. La ristorazione d’asporto è consentita anche dopo le ore 18.

SCUOLE – Nelle scuole superiori sarà possibile portare la didattica a distanza anche oltre il 75%. Spetterà all’autonomie scolastiche decidere se portare la DaD al 100%. Le scuole dell’infanzia, le scuole primarie e gli asili nidi resteranno in presenza dove sarà possibile.

CINEMA, TEATRI E PALESTRE – Chiusura totale per i cinema, teatri, casinò, sale scommesse, palestre, piscine, centri benessere e centri termali.

SPOSTAMENTI – è raccomandato fortemente di “non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità, per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi”.

Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /web/htdocs/www.ajonoas.it/home/wp-content/plugins/ultimate-author-box/inc/frontend/uap-shortcode.php on line 119
style="display:none;">

Comment here