CagliariCultura

Cagliari, il collettivo degli artisti dell’ExArt Teatro saluta l’ex Liceo Artistico di piazzetta Dettori

Condividi

Nella storica sede dell'Ex Liceo Artistico di Piazza Dettori, nel 2014, diverse associazioni culturali, sociali e compagnie teatrali hanno messo radici per far emergere le loro attività e iniziative

Nella storica sede dell‘Ex Liceo Artistico di Piazza Dettori, diverse associazioni culturali, sociali e compagnie teatrali hanno messo radici per far emergere le loro attività e iniziative, regalando finalmente al pubblico cagliaritano una offerta artistica e un impegno sociale sempre in movimento e a disposizione di tutti.

Ex Art Cagliari nacque nell’ottobre del 2012 su impulso della compagnia Lucidosottile, nello stabile della Marina già dal 2009. Negli anni è diventato un centro polivalente, pronto a rispondere alle esigenze di ogni fascia d’età, che voglia intraprendere o rispolverare le proprie capacità artistiche, interpretative, manuali o sia preso dalla curiosità di scoprire uno dei numerosi corsi e laboratori alternativi in programmazione.

Purtroppo questa esperienza si è conclusa. Nel 2014 l’amministrazione comunale decise infatti di inserire lo stabile nel piano triennale dei lavori pubblici, ipotizzando per l’ex Liceo una radicale ristrutturazione e una nuova una destinazione culturale. Oggi quell’iter burocratico è arrivato a compimento e, come concordato con l’amministrazione, le associazioni lasciano lo stabile per consentire all’impresa di iniziare i lavori.

“Siamo orgogliosi del lavoro compiuto in questi anni: quella dell’ExArt è infatti una storia che ha segnato in modo indelebile le nostre vite e la vita culturale di questa città. Le sette associazioni che lavorano sotto la sigla del collettivo ExArt Teatro (Lucidosottile, Batisfera Teatro, Teatro Impossibile, Talenti Stravaganti, Sinforosa, Dafi e l’artista Federico Carta in arte Crisa) hanno lavorato senza scopo di lucro, portando avanti le loro attività nelle sale del penultimo e ultimo piano dello stabile. In quasi dieci anni abbiamo organizzato centinaia di eventi, tra spettacoli, festival, laboratori, conferenze, residenze di artisti e incontri, che sono stati seguiti da migliaia di spettatori a cui oggi va il nostro ringraziamento.” Ha commentato in una nota Tiziana Troja la portavoce del Collettivo ExArt Teatro.

Ma il collettivo ha anche messo a disposizione di tutti coloro che ne hanno fatto richiesta le sale dell’ultimo piano: il Teatro Gramsci, la Sala danza Assunta Pittaluga, la Sala Cinema, e le numerose aule prova, il laboratorio di costumi e il laboratorio artistico di pittura, e questo seguendo i principi della gestione del Bene Comune, così come avvenuto in altri luoghi di cultura in Italia (un esempio per tutti, il Teatro Valle di Roma).

Sono oltre un centinaio le testimonianze di presenza, di solidarietà e di riconoscimento da parte di registi di cinema, compagnie di teatro, di danza, gruppi musicali, videomaker, scrittori, cantanti, artisti di tutte le discipline, nazionali ed internazionali, che in quasi dieci anni hanno contribuito al progetto dell’ExArt.

Grazie all’ExArt Teatro, lo stabile di piazzetta Dettori è stato rivitalizzato e ha messo Cagliari al centro di molte iniziative internazionali. Ma l’ExArt Teatro ha anche rivitalizzato con la cultura una parte del centro storico, crocevia di attività commerciali e turistiche della città.

“La nostra esperienza – conclude Tiziana Troja – racconta che gli spazi di tutti possono veramente essere a disposizione di tutti. Ci auguriamo che tanti stabili abbandonati e sottoutilizzati in città possano ospitare, così come avvenuto dal 2009 nell’ex Liceo Artistico, la nostra esperienza, che tanto ha dato a noi e al pubblico in termini di crescita artistica e personale.”

Comment here