Primo Piano

CAGLIARI: SCOPERTE DALLA GDF 30 PERSONE CHE PERCEPIVANO INDEBITAMENTE IL REDDITO DI CITTADINANZA E LA DISOCCUPAZIONE

Condividi

Le Fiamme Gialle di Cagliari hanno acceso i riflettori sulla platea di cittadini che percepiscono forme di assistenza economica quali il reddito di cittadinanza e l’indennità di disoccupazione, riservate a quella fascia di popolazione che versa in condizioni reddituali disagiate o che ha da poco perso il lavoro.

Con più preciso riferimento al reddito di cittadinanza, misura di recente istituzione ed intesa quale strumento di politica attiva del lavoro, di contrasto alla povertà, alla diseguaglianza ed all’esclusione sociale, lo stesso spetta in presenza di concomitanti circostanze, autocertificate dal richiedente e volte a dimostrare non solo la propria condizione di difficoltà, ma anche quella dei componenti il nucleo familiare.

La Guardia di Finanza ha comparato le autodichiarazioni prodotte dai richiedenti con le informazioni emergenti dall’analisi degli stati di famiglia, in cui trova indicazione la reale composizione del nucleo familiare.

Gli esiti dei controlli hanno condotto alla rilevazione di 14 casi in cui il reddito di cittadinanza era stato ottenuto in maniera irregolare, senza quindi disporre dei requisiti necessari.

METODOLOGIA

Diverse, ed in certi casi particolari, le diverse tipologie riscontrate: in due casi, due soggetti – già segnalati quali evasori totali a seguito di verifiche fiscali eseguite nel 2017 – avevano omesso di indicare nelle proprie autocertificazioni, riferibili, da norma, proprio a quell’anno, i compensi in realtà percepiti.

Erano così riusciti ad ottenere un reddito di cittadinanza pari, fino alla data del controllo, rispettivamente a 4.203 euro nel primo caso e 5.913 euro nel secondo.

 In questo caso, il contributo illecitamente percepito è stato di 1.662 euro.

Un ulteriore particolare contesto riscontrato ha riguardato due soggetti, i quali, con diverse finalità, hanno modificato la composizione dei propri nuclei familiari: un soggetto, per non superare la soglia di concessione del reddito di cittadinanza, non ha indicato nella propria dichiarazione la figlia ed il nipote, entrambi percettori di reddito; viceversa, ha consentito il “prestito” dei suoi congiunti ad un altro richiedente, il quale inserendoli nella propria dichiarazione, ha ottenuto un maggiore coefficiente di calcolo del beneficio.

Gli importi complessivamente percepiti in modo illecito, in questa circostanza, ammontano a 3.486 euro.

Altri due soggetti hanno beneficiato del reddito di cittadinanza seppur in assenza di uno dei requisiti previsti: la residenza, negli ultimi due anni precedenti la richiesta del sussidio, nel territorio italiano. Le Fiamme Gialle, accertando la loro iscrizione all’A.I.R.E. (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) nel biennio di interesse, hanno quantificato in complessivi 5.621 euro l’importo indebitamente percepito.

E ancora, uno dei casi di specie più classici: durante un controllo effettuato presso un’impresa edile, rilevata la posizione “in nero” di uno degli operai ivi impiegati, i successivi approfondimenti hanno evidenziato che il soggetto percepiva – congiuntamente ai compensi per il proprio lavoro – il reddito di cittadinanza, per un ammontare complessivo, fino alla data del controllo, di 2.354 euro.

Ma anche un lavoratore “regolare”, impiegato con formale contratto presso un esercizio commerciale, è risultato percettore – senza averne diritto – di un reddito di cittadinanza, complessivamente ammontante a 3.961 euro.

Un altro individuo, nonostante fosse intestatario di un’immobile, risultava percepire, indebitamente, un reddito di cittadinanza, quantificato, alla data dell’intervento dei Finanzieri, in 3.669,66 euro.

La non indicazione di componenti il nucleo familiare percettori di un reddito, risulta essere la circostanza più diffusamente riscontrata dai Finanzieri: altri 6 casi della specie hanno evidenziato tale condotta.

Sei soggetti hanno infatti omesso di indicare un appartenente al nucleo familiare: chi il figlio, chi il padre, una omissione dichiarativa volta a non superare il limite per accedere al beneficio.

Gli importi indebitamente percepiti variavano da 483 a 3.500 euro, per un ammontare complessivo di 12.444 euro.

In tutte queste circostanze sopra rappresentate, per i soggetti indebiti percettori del reddito di cittadinanza è scattata, da un lato, la denuncia alla locale Autorità Giudiziaria e, dall’altro, la segnalazione all’INPS ai fini del recupero delle somme ingiustamente percepite.

Ci sono state poi altre situazioni verificate dai Finanzieri in cui le condotte illecite riscontrate non hanno condotto alla denuncia alla Magistratura ma solo alla revoca o sospensione del beneficio.

E’ il caso di un soggetto, destinatario di una verifica fiscale nel 2017 e censito quale evasore totale per ricavi non dichiarati pari a 80.000 euro, il quale, facente parte di un nucleo familiare di un percettore di reddito di cittadinanza, in ragione di questa variazione reddituale, ha fatto si che si decretasse la decadenza dai  presupposti affinché fosse concesso il sussidio, pari a 8.800 euro.

Il godimento del beneficio è altresì decaduto anche per altri 2 soggetti, i quali percepivano il reddito di cittadinanza, nonostante un membro del loro nucleo familiare fosse regolarmente assunto e che, in ragione di ciò, non sussistessero i requisiti per accedere alla forma di ostentamento: nel complesso, sono stati indebitamente percepiti 9.731 euro.

Analoga circostanza per un altro cittadino che, percettore di reddito di cittadinanza, ha visto disconoscersi il beneficio fino ad allora fruito, pari a 5.106 euro in quanto un membro del proprio nucleo familiare era stato segnalato quale venditore abusivo e quindi producente un reddito tale da superare comunque i limiti richiesti.

O ancora, il caso di due soggetti i quali, in ragione del loro stato detentivo cominciato, in un caso, a giugno e, nell’altro, a ottobre del corrente anno, hanno visto la sospensione del beneficio loro erogato e l’obbligo a restituire quanto ricevuto a far data dal loro ingresso in carcere.

INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE

I controlli delle Fiamme Gialle hanno però preso in considerazione anche altri contesti interessati dall’erogazione di risorse pubbliche a sostegno di soggetti che versano in condizioni di difficoltà economica: le indennità di disoccupazione.

Nell’ambito delle attribuzioni istituzionali del Corpo, come noto, particolare importanza riveste il controllo sulla corretta osservanza del novero legislativo a corredo del mondo del lavoro, comparto che, da un lato, interessa gli aspetti economici dei rapporti giuslavoristici (con i controlli, ad esempio, sulle corrette imputazioni del costo del personale o sul versamento dei contributi) e, dall’altro, riveste una particolare importanza, anche sociale, in quanto impatta sulle giuste condizioni di lavoro del personale occupato, il quale con una corretta assunzione, è tutelato anche sotto il profilo assicurativo in caso di infortunio.

Nel corso del corrente anno, a seguito di numerosi interventi che, ad oggi, hanno consentito di individuare 102 lavoratori in nero, in 8 casi, gli approfondimenti operati dai Finanzieri hanno consentito di accertare che i lavoratori in nero percepivano, da un lato, l’indennità di disoccupazione e, dall’altro, il compenso per il lavoro prestato seppur senza un regolare contratto.

Baristi, cuochi, camerieri, lavapiatti, operai: queste le figure professionali relative ai detti soggetti che, parallelamente alla fruizione di un beneficio economico susseguente alla perdita del lavoro, prestavano la loro attività lavorativa in nero, percependo uno stipendio.

Per ciascuno di loro è stata inoltrata apposita segnalazione all’INPS, soggetto erogatore del beneficio, per la sospensione e la revoca della provvidenza pubblica.

Comment here