Musica

Da Cuba al Marocco passando per Sting: Marialy Pacheco e Rhani Krija

Condividi

MILANO – “MaroCuba” è un concerto che vede come protagonisti Marialy Pacheco, una delle pianiste più trascinanti ed interessanti del panorama cubano, e Rhani Krija, musicista marocchino di assoluto spessore, percussionista di Sting nel tour di “Sacred Love”, e collaboratore, tra gli altri, di Omar Sosa, Don Byron e Keziah Jones.

“MaroCuba” è il ponte musicale tracciato da Marialy Pacheco e Rhani Krija tra Cuba, patria della pianista, e il Marocco, nazione di provenienza del percussionista. Un ponte sviluppato sulle matrici ancestrali della musica africana e sulle successive evoluzioni attraversate nelle isole caraibiche, prima, e nel continente americano, poi: un incontro giocato sul senso ritmico e sulla capacità di fondere in maniera creativa le diverse suggestioni attraverso il dialogo e l’improvvisazione.

Marialy Pacheco è nata a L’Avana ed è stata la prima donna a vincere il Montreux Solo Piano Competition nel 2012 e, nel 2014, è stata la prima pianista jazz donna del mondo a diventare “Artista Bösendorfer”. Sempre nel 2014, ha pubblicato il suo primo lavoro come leader, “Introducing”, in piano trio ed ha esordito come solista classica, interpretando a Brisbane il Concerto in Sol Minore di Johann Sebastian Bach con la Queensland Symphony diretta da Gustavo Gimeno.

Nell’aprile 2017, Marialy Pacheco ha pubblicato “Duets”, un album intimo e ricco di sfaccettature, nel quale la pianista ha invitato alcuni dei musicisti con cui ha collaborato nel corso degli anni come Hamilton de Holanda, Omar Sosa, Joo Kraus, Rhani Krija, Miguel Zenon e Max Mutzke. Una formula, quella del duo, che permette alla pianista cubana di espandere il proprio mondo sonoro attraverso il dialogo e il senso dell’improvvisazione, come rivela poi in pratica il suo incontro con Rhani Krija.

Nel 2019 è stato pubblicato “Danzon Cubano – Live in Viersen”, un album dal vivo registrato dal Marialy Pacheco Trio con la WDR Funkhausorchester diretta da Gordon Hamilton al Jazz Festival di Viersen. Marialy Pacheco si è esibita in numerosi festival internazionali tra i quali l’Aalener Jazzfest, l’Enter Music Festival, il Rheingau-Musik-Festival, lo ZMF Freiburg, l’Ingolstädter Jazztage, Piano City Milano, l’Havana Jazzfestival e il Beethovenfestival Bonn.

Rhani Krija è nato a Essaouira – in Marocco, nella culla della cultura Gnawa – ed è cresciuto ascoltando ed esplorando i diversi stili musicali  nordafricani. Ha iniziato a lavorare in giovanissima età insieme ad alcuni dei musicisti più rispettati della scena musicale tradizionale marocchina ed ha messo subito in evidenza la ricercatezza del suo stile, innovativo e personale e capace al tempo stesso di radicarsi nella conoscenza autentica delle tradizioni. Rhani Krija ha vissuto e lavorato in Francia per diversi anni prima di trasferirsi a Colonia.

Nel febbraio 2003, Rhani Krija è stato invitato da Sting a partecipare alla registrazione del disco “Sacred Love”, una collaborazione che è poi proseguita nel successivo tour mondiale. Il percussionista ha suonato con musicisti di provenienza diversa, arricchendo così la sua sintesi musicale e il suo vocabolario espressivo: nel corso degli anni, Rhani Krija ha collaborato, tra gli altri, Omar Sosa, Don Byron, Karim Ziad, Vinnie Colaiuta, Dominic Miller, Keziah Jones e molti altri oltre ad ensemble importanti come la WDR Big Band.

×
Latest Posts

Comment here