Politica

L’allarme dagli Usa: “Putin potrebbe usare armi chimiche in Ucraina”

Condividi

ROMA – Il presidente russo Vladimir Putin potrebbe usare armi chimiche in Ucraina prima di ricorrere a un confronto nucleare con la Nato se le sue truppe continueranno a perdere terreno nel Paese: lo ritengono funzionari dell’amministrazione Biden citati da Politico. Questi timori – secondo sei persone bene informate, inclusi funzionari del governo e del Pentagono – giungono mentre Washington cerca di assicurarsi che gli alleati siano preparati a un evento del genere e preme affinche’ nuove risorse e investimenti vengano dedicati alla produzione di sistemi di rilevamento di sostanze chimiche.

Gli Stati Uniti non dispongono di informazioni che suggeriscano l’imminenza di un simile attacco in Ucraina, sottolinea il quotidiano statunitense: In realtà, molti funzionari del Dipartimento della Difesa ritengono che i combattimenti si fermeranno durante i mesi invernali, senza che nessuna delle due parti riesca a conquistare molto terreno.

Tuttavia, nel caso di continue perdite sul campo di battaglia o di un completo collasso dell’esercito russo, alcuni alti funzionari americani ritengono che Mosca potrebbe ricorrere all’uso di armi chimiche, sottolinea Politico, comprese quelle legate all’avvelenamento di Alexei Navalny (gli agenti nervini di tipo Novichok, ndr). Un attacco di questo tipo coinvolgerebbe sostanze chimiche facilmente occultabili, rendendo più difficile per l’Occidente puntare il dito contro Mosca, ha detto uno dei funzionari interpellati, secondo il quale la Russia potrebbe utilizzare anche agenti basati su farmaci (PBA).

×
Latest Posts

Comment here