CulturaLetture in compagnia di...

LETTURE IN COMPAGNIA DI MILLE COLORI DI UMANITÀ, RACCONTI DI IMMIGRAZIONE

Condividi

LETTURE IN COMPAGNIA DI MILLE COLORI DI UMANITÀ, RACCONTI DI IMMIGRAZIONE

A Natale un regalo inaspettato mi ha sorpreso e emozionato. Non ricevo molti libri in dono. Anzi, devo ammettere che negli ultimi anni non ho più ricevuto un libro in regalo. Forse perché tutte le persone che mi conoscono sanno che leggo in media 4 libri alla settimana. In effetti questo potrebbe essere un problema. Che libro non avrà letto? Potrebbe essere una domanda da porsi quando si ha a che fare con una lettrice bulimica come me. Invece questo passato Natale, una persona a me carissima, mi ha donato Mille colori di umanità, racconti di immigrazione, un libro che parla di vita vissuta. 

NON SOLO RACCONTI BREVI

Composto da 21 brevi racconti che parlano di storie di uomini, donne e soprattutto bambini che affrontano sofferenze, torture e viaggi infernali per raggiungere la salvezza o almeno quello che in teoria, dovrebbe rappresentare un mondo migliore. Una nuova dignità. Purtroppo sappiamo bene che spesso non si raggiunge nessuna dignità ma solo altre dolorose sfide da affrontare. I racconti sono scritti, con molta semplicità, da professionisti del settore che si occupano in prima persona di soccorrere, curare e supportare emotivamente gli extracomunitari che arrivano e soggiornano nella nostra isola. Forse, avrei desiderato da lettrice, dei racconti più lunghi e “ricchi” di informazioni, perché le storie raccontate sono veramente interessanti e avrebbero meritato più ampiezza. Vorrei veramente sapere che fine hanno fatto le persone di cui si è parlato e soprattutto gli operatori, continuano a fare questo nella loro vita? L’introduzione è di Paolo Fresu. Sì, avete capito bene. Il famosissimo trombettista jazz di Berchidda (N.d.R.: piccolo borgo in provincia di Sassari) apprezzato in tutto il mondo.

Paolo Fresu

UN PICCOLO TRATTO DELLA SUA INTRODUZIONE

“Una massa incerta di esseri umani fluttua tra le onde del Mediterraneo in balia di opinionisti e politici che annichiliscono l’uomo confondendo le motivazioni storiche, sociali, economiche e religiose che portano le genti dal continente africano verso l’Europa, quasi fosse un’onda di pensiero capace di appiattire le storie e le vite di coloro che decidono di affrontare l’odissea del viaggio, a piedi o su un barcone, per fuggire dalle guerre e dai regimi totalitari.”
Introduzione scritta da Paolo Fresu

Gli autori hanno deciso di non farsi associare al racconto scritto. Inoltre di comune accordo, hanno rinunciato ai proventi del libro, i quali verranno donati ad un ente benefico.

Perché acquistare questo libro? Il fatto già di compiere un bel gesto di beneficienza basterebbe, ma siccome noi siamo anche dei lettori, a noi questo non basta. Acquistando il libro, possiamo per brevi momenti, sbirciare, dentro le vite di chi umilmente aspetta di essere aiutato e chi, invece con altrettanta umiltà, riscopre o scopre per la prima volta, cosa vuol dire essere indispensabile.

Questo vuol dire aiutare chi ha bisogno di essere soccorso. Dimenticarsi l’arroganza, il giudizio e mettersi a disposizione, con empatia, del bisognoso. Riscoprendosi non solo medici, operatori sociali, infermieri, assistenti sanitari, ma uomini, donne, mamme, padri, sorelle, fratelli e figli.

Mille colori di umanità, racconti di immigrazione edito dalla Carlo Delfino Editore, editing e quarta di copertina Giulia Zuddas e la grafica di Stefania Marras, autori vari.

https://www.carlodelfinoeditore.it/scheda-titolo.aspx?isbn=9788893611633

 

Comment here