Politica regionalePrimo Piano

Manca (M5S): “un medico per tutti i senzatetto della Sardegna”, la sua proposta di legge

Condividi

C’è chi non ha mai avuto una casa e vive in alloggi di fortuna, chi invece dorme in macchina, e anche chi condivide un appartamento con colleghi o datori di lavoro. Stando ai più recenti dati raccolti dai centri Caritas della Sardegna, non sono affatto poche nella nostra isola le persone che non possono disporre di un’abitazione: rappresentano il 7,1% della popolazione totale. In gran parte si tratta di stranieri di sesso maschile, ma questa triste condizione riguarda anche tanti sardi che non sono riusciti a risolvere situazioni di grave disagio economico, dopo separazioni, fallimenti, licenziamenti. La pandemia, inoltre, e la grave crisi economica collegata che stiamo attraversando, ha avuto un impatto pesantissimo sulle famiglie, che stanno affrontando un periodo mai sperimentato nei decenni precedenti”.

Così introduce l’argomento della sua proposta di legge la consigliera sarda del M5S, Desirè Manca che andrebbe “in favore di tutte le persone senza fissa dimora per le quali accedere ai servizi sanitari di base risulta più difficile e che quindi troppo spesso rinunciano al loro diritto alla salute”.

La pentastellata ha presentato la proposta di legge di cui è prima firmataria, sottoscritta dai colleghi consiglieri Roberto Li Gioi, Michele Ciusa e Alessandro Solinas, che prevede il riconoscimento da parte della Regione Sardegna alle persone senza dimora del diritto di iscrizione nelle liste degli assistiti delle aziende ASL del territorio regionale.

Grazie a questa legge anche i senzatetto potranno finalmente avere un medico di base a cui rivolgersi senza dover accedere ai Pronto Soccorso della zona di riferimento. La ricerca futura dovrebbe concentrarsi sul rafforzamento degli interventi sanitari rivolti a questa categoria di persone fragili. Particolare attenzione dovrebbe inoltre essere prestata in favore di tutti coloro a rischio come i consumatori di sostanze stupefacenti o i sofferenti mentali”.

fonte: comunicato stampa

Redazione Administrator
×
Redazione Administrator

Comment here