CulturaIn&OutPrimo Piano

Monica Tronci Pau in libreria con “Il diario di Eleonora d’Arborea – l’infanzia di una regina”

Condividi

Nei primi giorni del mese di luglio è arrivata una novità in libreria. Si tratta del romanzo storico per ragazzi dal titolo “Il Diario di Eleonora d’Arborea – L’infanzia di una Regina” edito dalla Casa Editrice S’Alvure, Oristano.

L’autrice è Monica Tronci Pau, artista della Plastilina, già conosciuta principalmente dal pubblico dei più piccoli per la realizzazione dei Plastilibri, i libri illustrati con la Plastilina, ma anche dagli adulti per i suoi corsi e laboratori dove dal 2011 insegna l’uso della Plastilina e la creazione di lavori adatti a tutte le età con nuove tematiche e mostre coi Plastiquadri e i personaggi tridimensionali. A breve verranno definite le date di presentazione della pubblicazione che verosimilmente oltre che in Sardegna si svolgeranno anche oltremare, poiché la Giudicessa raffigura ormai un popolo intero e un pezzo di Storia considerevole per l’isola e non solo.

Monica è nata a Cagliari nel 1974 con la sua gemella Valeria. Ha trascorso l’infanzia a Oristano per poi trasferirsi a Terralba dove vive attualmente. Dal 1995 si occupa di rievocazioni storiche in particolare di epoca medievale sarda e giudicale. Artista della Plastilina, disegnatrice e plasti-illustratrice. Ha pubblicato i Plastilibri “Sa vida in su sattu”, “Is bidrureddas”, “G li amici della Giraffa” e “Coloriamo gli animali”. Ha conseguito il diploma al Liceo Artistico di Oristano, indirizzo “Design Ceramica”.

Questa volta Monica si è cimentata con il genere narrativo per ragazzi e dopo sette anni dalla prima stesura ha dato alle stampe un testo ricco di contenuti divertenti, ma anche culturali che appassionano e danno opportunità per vari approfondimenti. Impostato come racconto di fantasia, ha poi acquisito numerosi dettagli storici grazie all’approfondimento di tutte le informazioni sulla storia cittadina e isolana.

Una storia scritta con un vocabolario ricco e stimolante, pensata per i ragazzi delle ultime classi della scuola primaria e le prime della scuola secondaria di primo grado, ma che sta riscuotendo successo anche tra gli adulti per gli argomenti trattati che suscitano coinvolgimento oltre che nostalgia. Lungo tutto il testo, che inizia nel 2018 e prosegue tra il 1355 e 1388 con persistenti incursioni nel tempo presente e con l’uso di flashback, vengono ottimizzati i territori e la storia della Oristano giudicale, chiese, conventi, piazze e paesi, attraverso l’esposizione delle giornate trascorse dalla piccola Eleonora, figlia di Mariano IV; colei che poi diverrà la Giudicessa.

Eleonora, conosciuta da molti per la promulgazione della Carta de Logu del Regno d’Arborea, il codice di leggi scritto da suo padre e poi da lei aggiornato, è avviluppata da un mistero che riguarda soprattutto la carenza di notizie certe riguardanti la sua infanzia. Allo stesso tempo, però, la Giudicessa è interprete di molte leggende oltre ad essere il simbolo della città e anche della Sardegna. Una delle poche figure femminili di spicco della Storia sarda. L’autrice, nella nota che accompagna la storia, spiega che questa sua opera prima è un atto d’amore nei confronti di Oristano, la città dove ha vissuto l’infanzia, oltre a essere frutto della propria passione per la Storia della Sardegna e per le rievocazioni storiche che organizza o alle quali partecipa da oltre 25 anni con la propria famiglia, promotrice del Gruppo Medievale Antica Turabolis di Terralba.

La narrazione suggestiva si dipana tra verità storiche e “fiction” con l’utilizzo di personaggi reali affiancati da quelli concepiti e adeguati alla storia descritta. Non si tratta di un saggio, ma di una vicenda progettata da Monica, capace di suscitare suggestioni e rammenti. Nella città che in passato fu la capitale del regno del Giudicato d’Arborea, Grazia – la protagonista del racconto – sfugge all’attenzione delle sue maestre durante un'uscita didattica al Museo Diocesano e fa un ritrovamento di rilevanza storica. Ben presto condivide la scoperta con Francesco, il suo amico fidatissimo. Insieme iniziano la lettura di quello che si rivela essere un libro di rimembranze, scritto proprio della regina Eleonora, in cui vengono esposti gli anni della sua infanzia. I due ragazzini vengono catapultati nel secolo XIV rivivendo le esperienze avventurose e divertenti ma non prive di rischi, anche grossi, che la piccola Eleonora supera grazie alla sua arguzia, abilità e un pizzico di fortuna. Grazia e Francesco in questo modo conoscono anche gli usi e costumi della vita del medioevo, trovano affinità col proprio mondo e scoprono che la loro piccola e tranquilla cittadina ha in realtà una storia e un passato glorioso.

Il libro è corredato di 30 illustrazioni “storiche” realizzate con disegni in bianco e nero, e una serie di lettere realizzate con lo stile delle lettere miniate medievali, opera della stessa Monica Tronci Pau.

In copertina campeggia un’illustrazione in Plastilina nella quale una bambina guarda fuori dalla finestra. Una finestra che nel racconto viene citata spesso e che ha una funzione nello svolgersi dello stesso.

di Massimiliano Perlato

Redazione Administrator
×
Redazione Administrator

Comment here