GreciaSportSport EuropeoSuper League

PARTITE TRUCCATE: OLYMPIACOS NEL MIRINO

Condividi

Si preannuncia un’estate rovente per il calcio in Grecia, travolto da un vero e proprio terremoto. Secondo fonti della SDNA e di altri media locali, l’Olympiacos è accusato di aver truccato alcune partite: accusa per la quale rischierebbe la retrocessione. Nel dettaglio, la gara finita nel mirino della Commissione etica è quella del 4 febbraio 2015 contro l’Atromitos, altra società che rischierebbe grosso.

Carte alla mano, l’accusa per l’Olympiacos è quella di aver infranto l’articolo 27 del codice di condotta della federazione, ovvero il ‘match fixing’. Come prevede l’articolo 29, potrebbe portare a sanzioni molto pesanti: retrocessione, 3 milioni di multa e radiazione a vita dal mondo dello sport. Uno scandalo che rischia di travolgere l’intero calcio greco. Oltre al presidente dell’Olympiacos Evangelos Marinakis, patron anche all’estero con il Nottingham Forest, nell’indagine della Commissione Etica della Federcalcio risulterebbero coinvolte infatti anche altre 28 persone. Pochi giorni fa la sezione penale della Corte Suprema aveva annunciato che sarebbero andati tutti a processo. Ora manca soltanto la decisione del dipartimento di giustizia dell’EPO (la federazione greca).

L’inchiesta della Federazione su alcune partite truccate tra il 2011 e il 2013 fu avviata nel 2014 e poi chiusa per “insufficienza di prove attendibili”: è stata riaperta prendendo in considerazione altre gare oggetto di possibile manipolazione dal 2014 al 2015 in cui risulterebbe coinvolto anche il Panathinaikos. Nel dettaglio, i match sospetti sarebbero Veria–Olympiacos (1-2-2015), Veria–OFI (17-1-2015), OFI–Panathinaikos (15-2-2015), Asteras Tripolis-Olympiacos (1-11-2014) e appunto Olympiacos–Atromitos (4-2-2015).

×
Omar Sansone Editor
Latest Posts

Comment here