SportSport nazionale

Sampdoria, Ferrero: “basta enfatizzare il coronavirus”

Condividi

Non si muore di coronavirus“. La controversa dichiarazione di Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, è stata espressa durante un intervento a Radio Capital nel quale si è affrontato anche il tema Covid-19 e le ripercussioni sul calcio. “Rimango basito: la cultura, lo sport, lo spettacolo, la vita… Una roba dimenticata. Io faccio appelli ai nostri meravigliosi governanti: non dimentichiamo la cultura, è inutile mandare i nostri figli a scuola per raccontare loro le storie dell’Italia, se poi quelle stesse storie le abbandoniamo“.

Il virus tra i calciatori

Non c’è giorno senza un nuovo caso in Serie A? Non inventiamoci cose che non esistono. Qui c’è una malattia e noi gridiamo al mondo che siamo l’eccellenza della scienza, ringraziamo i medici e chi lavora negli ospedali per combattere questo virus. Però prima era un mostro che non si identificava, mentre ora l’abbiamo identificato: quindi cerchiamo di non enfatizzarlo, perché se facciamo così… La malattia esiste, va identificata, ma abbiamo fatto cento milioni di passi avanti e non si muore, grazie a Dio“.

Negazionismo

 Io negazionista? No, questo virus lo rispetto, ma abbiamo i mezzi per affrontarlo. Tante eccellenze vanno in televisione ma ognuno dice il contrario dell’altro. E ieri su Rai 2 abbiamo rivisto le bare, ma dai…“.

Stadi aperti

Quante persone farei entrare allo stadio? Non dico il 100% e nemmeno il 50%, ma almeno il 25%… Marassi è uno stadio meraviglioso e ci vanno 45mila persone, ma se voi ne mettete 15mila chi se ne accorge? Quindi direi almeno un 30%. Noi a volte facciamo molta propaganda, chiediamo responsabilità a questi ragazzi che sono ragazzi, ma perché se facciamo le leggi non ci sono controlli?“.

Cristiano Ronaldo contagiato

Gli faccio tanti auguri, è un uomo meraviglioso e tra una settimana starà bene. Cerchiamo di non enfatizzare tutta questa cosa: nel calcio stiamo andando a sbattere, ma non solo nel calcio, nella vita“.

I casi nel Genoa

“Tanti, ma stanno quasi guarendo tutti. Oggi, grazie a Dio, abbiamo capito che basta un tampone per uscire. Io ieri per fare una riunione in Lega ho dovuto fare il tampone e l’avevo già fatto il giorno prima, ma è una cosa fastidiosissima. Si mettessero d’accordo tutti questi scienziati! Noi curiamo il corpo e uccidiamo le menti, la gente non ce la fa più. Tra un po’ chiuderemo gli ospedali per il corpo e riempiremo quelli per la testa. Io sono stato costretto a chiudere i cinema e lo Stato non dà niente, ora tutti questi problemi con il calcio. Così fermano la vita“.

Comment here