Primo Piano

Sestu, Sinnai, Selargius fioccano le violazioni igienico-sanitarie nei locali. Lavoratori in nero. Tante le sanzioni

Condividi

Stanotte a Sestu, Sinnai e Selargius, i carabinieri delle locali Stazioni, unitamente a personale del Nucleo Ispettorato del Lavoro dell’Arma e del NAS di Cagliari, nel contesto di un servizio coordinato in ambito Compagnia finalizzato al contrasto dello sfruttamento lavorativo e delle violazioni igienico-sanitarie nei locali notturni, hanno sanzionato, in ordine all’impiego di lavoratori in nero con conseguente sospensione dell’attività imprenditoriale, una 27enne domiciliata a Sestu, amministratrice unica della società che gestisce un noto ristorante, in relazione alla riscontrata presenza di n. 3  lavoratori in nero, con sanzioni pecuniarie amministrative per un totale di euro 13.300,00 e conseguente sospensione dell’attività lavorativa. Un altro esercizio di ristorazione è stato sanzionato per “attivazione di un’attività commerciale priva di specifica autorizzazione” e mancato rispetto di alcune procedure aziendali previste dal manuale HCCP.  Le sanzioni in questo caso sono arrivate  a 30 mila euro.

Sono state riscontrate anche problematiche igienico-sanitarie legate alla gestione degli alimenti, ne è conseguito il sequestro amministrativo della stessa attività e delle attrezzature della piccola impresa, per un valore complessivo di euro 100.000,00 (centomila).

Nell’ambito del medesimo servizio sono stati controllati: • 42 veicoli; • 67 persone, di cui 2 contravvenzionate per violazioni del codice della strada. Una 38enne cagliaritana è stata deferita in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari per guida in stato di ebbrezza alcolica.

Mentre era alla guida della propria autovettura Ford, la donna è stata sottoposta a test alcolemico, evidenziando un tasso alcolico di 0, 98 g/l, quasi il doppio del massimo consentito. La patente di guida le è stata ritirata dal personale operante, mentre l’autovettura è stata affidata al medesimo proprietario.

Fonte: Comunicato CC

Redazione Administrator
×
Redazione Administrator

Comment here