CulturaIstruzionePrimo Piano

Università di Cagliari: martedì 19 luglio, alle 10.30, presentazione del nuovo corso di laurea magistrale in Storia dell’Arte

Condividi

Martedì 19 luglio, alle 10.30, nel Giardino interno del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali della Cittadella dei Musei, in Piazza Arsenale a Cagliari, si terrà l’incontro di presentazione del nuovo corso di laurea magistrale in Storia dell’Arte dell’Università di Cagliari.

Per la prima volta in Sardegna un corso di laurea è interamente dedicato ai diversi aspetti del patrimonio storico-artistico e formerà professionisti che potranno trovare occupazione nelle soprintendenze e, più in generale, nell’organico del Ministero della Cultura, in musei, gallerie d’arte, monumenti, nelle biblioteche specializzate e nell’ampio settore dell’industria culturale. Gli insegnamenti erogati all’interno del nuovo percorso di studi permetteranno, inoltre, ai laureati di accedere alle classi dell’insegnamento della Storia dell’arte nelle scuole secondarie di secondo grado.

“Il corso di studi magistrale in Storia dell’arte nasce con un profilo di forte innovatività nei contenuti, nelle metodologie e negli approcci scientifici e didattici – evidenzia Ignazio Putzu, prorettore alla Didattica dell’Università di Cagliari e direttore del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali, struttura cui il corso afferisce – la sua didattica avanzata ha come obiettivo la formazione di specialisti in grado di affrontare un’ampia gamma di problemi connessi alla conservazione, al restauro, alla musealizzazione, alla gestione e alla valorizzazione del patrimonio storico artistico. Si tratta di figure preziose per tutelare e valorizzare il patrimonio artistico, di cui ha forte bisogno, in particolare, il contesto regionale sardo, erede di un patrimonio artistico importante e talvolta addirittura straordinario ma che spesso è poco studiato e bisognoso di restauro e tutela. Dallo studio e dal recupero di tale patrimonio deriva per i nostri giovani una straordinaria opportunità di valorizzazione dei beni artistici sul piano culturale quindi socioeconomico: per fare un esempio tra i tanti possibili, si pensi alle ricadute nell’ambito del turismo colto internazionale”.

“Giunge a compimento – ricorda Carlo Lugliè, che ha coordinato in questi anni il percorso istitutivo del nuovo corso di laurea – un lungo lavoro progettuale che ha coinvolto i rappresentati delle istituzioni del territorio e del mondo del lavoro: il corso che nasce risponde pienamente alle recenti indicazioni ministeriali che definiscono in dettaglio conoscenze, competenze e abilità dei professionisti che intendono operare nel campo della storia dell’arte”.

“Siamo contenti – commenta Rita Pamela Ladogana, docente di Storia dell’arte contemporanea e membro del comitato promotore della nuova laurea – di poter finalmente rispondere alle richieste degli studenti, che da tempo premevano per poter fruire di una formazione specialistica concentrata sulle discipline storico-artistiche”.

Per Fabio Pinna, coordinatore del corso, “Punti di forza del nuovo percorso formativo biennale saranno gli insegnamenti che permetteranno di acquisire conoscenze e competenze di livello avanzato sulla storia dell’arte dal medioevo all’età contemporanea, anche con l’introduzione di nuove discipline come Digitalizzazione dei beni storico-artistici, Storia delle esposizioni e pratiche curatoriali, Storia delle arti minori, Management e Comunicazione dei beni culturali”.

“Oltre alle lezioni in aula – sottolinea Andrea Pala, uno dei promotori del corso e docente specializzato nei temi dell’arte medievale – le attività formative sono orientate a far conoscere attraverso lo studio sul campo, workshop e la partecipazione diretta ai progetti di ricerca il ricchissimo patrimonio storico-artistico dell’isola, inserito nello scenario internazionale”.

Il percorso di studi si avvarrà delle collaborazioni con enti pubblici e privati, musei e altre istituzioni culturali e beneficerà della possibilità di studiare e di fare esperienza nelle realtà museali dell’ateneo cagliaritano, come il MUACC Museo Universitario delle Arti e Culture Contemporanee e la Collezione Sarda Luigi Piloni.

Durante l’incontro di presentazione saranno forniti i dettagli relativi al percorso formativo e tutte le informazioni su requisiti di accesso e le scadenze per l’iscrizione al nuovo corso. Sarà inoltre illustrato il nuovo sito web e presentati gli spazi della Cittadella dei Musei dedicati alla didattica e allo studio personale.

Fonte: Università di Cagliari

Redazione Administrator
×
Redazione Administrator

Comment here