CagliariCulturaIstruzionePrimo Piano

Uta: “O di Orto”, i bambini delle scuole d’Infanzia protagonisti verso un mondo migliore

Uta progetto O di Orto
Condividi

Nel comune di Uta, i bambini delle scuole dell’infanzia, “Santa Giusta” e “G. Garibaldi”, sono diventati protagonisti di un progetto che li vede attivi e coinvolti in prima linea verso una maggiore consapevolezza del cibo. Tutto questo grazie ad un progetto, già avviato nel 2018, ripristinato da poco e nominato “O di Orto”.

Attraverso le lezioni svolte all’aria aperta, coltivando prodotti che poi verranno usati per fare la “merenda”, si apprende in maniera ludica, divertendosi. Osservando il ciclo vitale di una pianta e prendendosene cura personalmente, i bambini riescono a comprendere meglio l’importanza del cibo.

“Abbiamo trascorso due bellissime giornate all’aria aperta, ad apprezzare i profumi e i colori della natura. – commenta così l’assessora all’istruzione Marta Manca – I bambini, ancora una volta ci insegnano che basta poco per essere felici. Ringrazio chiunque lo abbia reso possibile: il Sindaco, l’Amministrazione e i Dipendenti comunali sempre presenti, la Dirigente scolastica, le Insegnanti e i Collaboratori scolastici, il Vivaio Peterle e tutti i genitori per l’entusiasmo dimostrato. Ma il grazie più grande va ai piccoli alunni delle nostre scuole dell’infanzia. Ci rivedremo sicuramente il prossimo anno scolastico!”

“È di fondamentale importanza – aggiunge il sindaco Giacomo Porcu – che i bambini mantengano il legame con la terra e la ricchezza naturale del nostro territorio. Se si perdesse questo inestimabile valore si perderebbero secoli di tradizione, di cultura e di esperienza che potranno essere le basi su cui fondare anche il nostro futuro.

Il solo pensiero che un bimbo possa non conoscere come “nasce” una verdura o un frutto dovrebbe preoccupare tutti noi. È proprio il caso di dire che si tratta di un progetto bello, divertente e utile per “coltivare” al meglio le esperienze delle future generazioni.”

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Ajonoas

Comment here