Cultura

CAGLIARI: DA LUNEDÌ IL NUTRITO PROGRAMMA DEL “VIOLAFEST”

Condividi

Concerti, masterclass, conferenze e momenti di approfondimento per ricordare, nel centenario della nascita, Piero Farulli (Firenze, 13 gennaio 1920 – Fiesole, 2 settembre 2012), celebre maestro violista del Quartetto italiano e fondatore della Scuola di musica di Fiesole. Dal 13 al 15 gennaio, in collaborazione con l’Associazione italiana della viola, il Conservatorio di Cagliari propone il ViolaFest, tre giornate organizzate nel segno della musica e della sua funzione sociale, proprio come nella visione portata avanti con impegno da Farulli.

Arriveranno per l’occasione violisti con una brillante carriera internazionale alle spalle, come Naomi Barlow o Giovani Pasini che terranno masterclass aperte al pubblico, oltre che agli studenti. Per la prima volta, inoltre, la musica classica entrerà in un carcere sardo, con il concerto in programma la mattina del 15 nella Casa circondariale di Uta. E ancora, spazio alle proposte su come fare insieme grazie alla tavola rotonda, in programma il 14, tra dirigenti e docenti dei Conservatori di Musica di Cagliari e Sassari e dei licei musicali e delle scuole civiche di musica della Sardegna, con l’obiettivo di rafforzare la loro collaborazione, nell’ottica di una continuità didattica di importanza fondamentale nel lungo percorso di formazione strumentale.

Ideato e organizzato da Dimitri Mattu, docente di Viola al “G. P. Da Palestrina”, con la collaborazione di Dorotea Vismara, presidente dell’Associazione Italiana della Viola, il ViolaFest si apre lunedì 13 alle 10,30 per chiudersi con il Gran concerto finale mercoledì 15 alle 20,30 nell’Auditorium con le orchestre di viole del ViolaFest.

ViolaFest è organizzato all’interno di Farulli 100, una serie di iniziative che l’Associazione Piero Farulli organizza in occasione del centenario della nascita del grande musicista. Per seguire tutto il programma ci si può collegare su www.farulli100.com.

 

Comment here