LavoroPrimo Piano

CONFCOMMERCIO: IN SARDEGNA MALE LE IMPRESE AL DETTAGLIO. CARBONIA IN CODA. OLBIA MIGLIORA

Condividi

Confcommercio ha avviato nel 2016 un osservatorio sulla demografia delle imprese nelle città italiane al fine di monitorare nel tempo l’andamento degli esercizi commerciali e delle attività di alloggio e ristorazione così da poter cogliere i cambiamenti della rete comunale di servizi al consumatore. In particolare si studia l’evoluzione della demografia dell’impresa distinguendo due aeree principali “centro storico” (CS) e “Non centro storico”(NCS).

Con il contributo di Si.Camera (Agenzia delle Camere di commercio) sono stati osservati 120 comuni, di cui 110 capoluoghi di provincia e 10 comuni non capoluoghi più popolosi, escludendo le città di Milano, Napoli e Roma. Per i 120 comuni è stato analizzato, dal 2008 al 2019, l’andamento dello stock:

  • delle imprese del commercio al dettaglio di 13 categorie merceologiche (tra cui alimentari, rivendite tabacchi, farmacie, carburanti, computer, telefonia, libri, giocattoli, tessili, abbigliamento, ferramenta, mobili, commercio ambulante);
  • degli alberghi e delle attività di ristorazione.

 

LA SARDEGNA

Per la Sardegna sono stati analizzati i comuni di Cagliari, Carbonia, Iglesias, Nuoro, Lanusei, Olbia, Sassari, Tempio Pausania ed Oristano.

Lo scenario del decennio dal 2008 al 2019 conferma ciò che è già sotto gli occhi di tutti.

In tutte le città e cittadine del campione, le imprese del commercio al dettaglio, quindi negozi di abbigliamento, giocatoli, libri, ferramenta mobili ed anche esercizi specializzati come computer, telefonia, tabacchi farmacie e carburanti, registrano una flessione.

Cagliari registra un saldo negativo dell’11% per le imprese in centro storico e del 2% non in centro storico; Carbonia perde in centro storico l’8,90% e il 12% non in centro storico. In particolare la categoria degli esercizi specializzati di articoli per la casa, quali tessili, ferramenta, tappeti, forniture elettriche o mobili perde il 15,03%.

Non va meglio nel Comune di Iglesias che registra -2,17% in centro storico e il -5,06% non in centro storico.

Negli altri capoluoghi Nuoro (CS -3,66 NCS-1.65%) Oristano (CS -4,32 e -2,12% NCS) e Sassari il copione si ripete. In particolare la principale città del nord Sardegna riporta il peggior dato in centro storico, perde infatti il 13,80% e l’8.21% non in centro storico.

Anche Tempio riporta indici negativi ( -4,51% in CS) più preoccupanti per l’area diversa dal centro storico ( -22.41%)

Meglio Olbia che registra -4,18% in centro storico ma un dato positivo +6.52% al di fuori dell’area storica dedicata allo shopping.

“È un sintomo grave, dice Nando Faedda- Presidente di Confcommercio Sardegna- siamo ben consapevoli che le imprese del commercio sono in difficoltà e in molti sono costretti ad abbassare le serrande. Il fenomeno evidenziato dallo studio in realtà è molto più vasto e generale; nel settore commercio da gennaio a settembre 2019 sono scomparse 1024 imprese. Il dato quindi non ci sorprende, è necessario attivare politiche di incentivazione per l’adeguamento delle imprese al rapido cambiamento che la digitalizzazione imprime ai modi di vivere, produrre, acquistare e comunicare. Per contrastare il crescente fenomeno dei negozi sfitti, ancor più evidente nei centri storici, è necessario attuare politiche di rigenerazione urbana innovative e favorire l’integrazione tra i vari livelli di governo e tra imprese e associazioni.”

Crescono di due cifre invece le attività di alloggio e somministrazione in tutte le città prese a campione.

 

Comment here