Primo Piano

CORONAVIRUS: LA GIORDANIA VIETA L’INGRESSO AI CITTADINI ITALIANI, RYAN AIR BLOCCA I VOLI

Condividi

La Giordania vieta l’ingresso ai visitatori italiani e la Ryan air è costretta a disdire tutti i biglietti prenotati. Lo comunicano nel loro sito ufficiale con una nota esplicativa:

“Il governo giordano ci ha comunicato che, fino a data da destinarsi, non consentirà l’accesso nel Paese ai visitatori italiani, provenienti dai nostri 4 voli italiani. Questo divieto non si applica ai cittadini giordani che viaggiano sui voli Ryanair dall’Italia alla Giordania. Abbiamo intenzione di continuare a operare voli dall’Italia alla Giordania almeno per le prossime due settimane, fino all’11 marzo, in modo da poter rimpatriare tutti i visitatori non giordani che hanno viaggiato in Giordania con Ryanair nelle ultime due settimane sui nostri 4 voli provenienti dall’Italia.

Invieremo immediatamente un’allerta a tutti i passeggeri non giordani che dovranno viaggiare sui nostri voli dall’Italia alla Giordania nelle prossime due settimane. Comunicheremo loro che non saranno autorizzati a viaggiare e offriremo un rimborso completo o una nuova sistemazione sui voli per la Giordania dopo il 1° aprile.

I cittadini giordani che viaggiano dall’Italia alla Giordania nelle prossime due settimane non sono colpiti da questo divieto. Inoltre, tutti i passeggeri non giordani che sono andati in Giordania con Ryanair nelle ultime settimane saranno avvisati ed esortati a tornare in Italia su uno dei rimanenti voli Ryanair nelle prossime due settimane, dal 26 febbraio all’11 marzo.

Le 4 rotte operate da Ryanair dall’Italia alla Giordania sono le seguenti:

– Milano BGY ad Amman

– Bologna ad Amman

– Roma CIA ad Aqaba

– Milano BGY ad Aqaba

Sospenderemo queste 4 rotte tra l’Italia e la Giordania per il periodo che va dal 12 marzo al 31 marzo fino a quando non saremo in grado di ottenere rassicurazioni dal governo giordano che questo divieto di entrata ai visitatori italiani, giudicato da noi ingiustificato, è stato revocato. Nel caso in cui dovessimo ricevere ulteriori comunicazioni da parte del governo giordano, sarà nostra premura comunicarle immediatamente ai passeggeri interessati.”

Comment here