Politica

MASSIMO ZEDDA ” QUESTA GIUNTA NON DURA”. GIAGONI “ZEDDA IL MAGO OTELMA ISOLANO”

Condividi

 “Vogliamo proporre a tutto il mondo della sinistra, partendo delle esperienze positive delle liste civiche, un nuovo modo di fare politica, aperto ad associazioni e movimenti e capace di esprimere senza ambiguità posizioni coerenti con i nostri valori di riferimento”.

Lo ha annunciato il consigliere regionale dei Progressisti Gianfranco Satta presentando i primi appuntamenti (venerdi a Sassari e lunedì a Cagliari) di un percorso di coinvolgimento ed aggregazione di tutte le fasce di elettorato che guardano con fiducia ed interesse alla sinistra.

Per il capogruppo Francesco Agus “l’iniziativa apre scenari nuovi rispetto a solo qualche anno fa, quando la sinistra appariva divisa, perché ora c’è un punto di partenza solido rappresentato dagli 8 consiglieri del gruppo grazie al quale la coalizione è diventata più larga e riconoscibile. In prospettiva, ha aggiunto, questo progetto che parte dal basso può anche superare i confini regionali, riprendendo in qualche modo il modello dell’Emilia Romagna dove si è dimostrata la capacità di andare oltre lo spazio della sinistra classica.”

Il consigliere Massimo Zedda  si è detto convinto che fare più politica nei territori e non soltanto nelle istituzioni sia il modo migliore per facilitare il radicamento di idee nuove.

“Non credo che questa Giunta regionale durerà per 5 anni, ha affermato perché sta già iniziando a venir meno la “narrazione” che ha portato il centro destra a vincere le elezioni promettendo tutto a tutti, salvo accorgersi che è impossibile e ripiegare su manovre di corto respiro finalizzate solo ad occupare posti di potere.”

Non tarda ad arrivare la risposta di Dario Giagoni, vice commissario della Lega in Sardegna, che dichiara di sentirsi “felici di scoprire che l’onorevole collega Zedda abbia trovato finalmente la sua reale vocazione: la veggenza. Forti di questa felicità siamo desolati, però, di dover contraddire il mago Otelma isolano affermando che è intenzione della giunta durare per tutto il mandato e, soprattutto di applicarsi il più possibile affinché i cittadini siano felici dei risultati raggiunti. Questo, ci tengo a precisarlo, non per volontà di rielezione ma per amor di patria. 

Vorremmo ricordare all’esponente dei Progressisti –  prosegue il leghista sardo –  che da un anno a questa parte stiamo affrontando temi che sino ad oggi sono stati sempre messi da parte, finendo inesorabilmente per divenire accumulo di problemi insoluti e dal difficile sbroglio

 Se la Giunta attuale, – conclude Giagoni –  a suo dire, da mostra di non voler lasciare una buona impressione del suo operato, ci domandiamo cosa lui abbia lasciato in eredità alla città, oltre rotatorie disseminate ovunque. Beh risposte ve ne sono tante, ad esempio ha lasciato: un disastroso sistema di smaltimento rifiuti avente la tassazione più alta d’Italia, l’abbandono dell’anfiteatro e della passeggiata coperta dei Bastioni, il blocco di progetti di grande rilievo e importanza per l’intera città, uno di questi tra l’altro finanziato direttamente dall’UE e già approvato dal suo predecessore.”

 

Comment here