Sud Sardegna

SANT’ANTIOCO: SEQUESTRATE CASE MOBILI ABUSIVE

Condividi

Sono state poste sotto sequestro, dai  carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio culturale di Cagliari con la collaborazione della Compagna del Capoluogo, 74 case mobili e 4 bungalow-tende, con relative aree verdi e infrastrutture, all’interno del Tonnara Camping a Cala Sapone nell’isola di Sant’Antioco.  I tre titolari, tutti della zona di Brescia, sono stati denunciati per lottizzazione abusiva e per aver eseguito opere in assenza o difformità dalle autorizzazioni edilizie e paesaggistiche. Il sequestro preventivo, di un’area di 97mila metri quadri e di tutte le case mobili del Tonnara Camping per un valore di circa 3 milioni di euro, è stato richiesto dal pm Giangiacomo Pilia e firmato dal Gip, Antonio Cau.

L’indagine del TPC dei Carabinieri è partita dopo una segnalazione che indicava la presenza nel litorale sulcitano di case mobili anche a 150 metri dalla linea di battigia e altre strutture probabilmente senza avere alcuna autorizzazione. I militari hanno riscontrato che le strutture stagionali sarebbero state collocate, a decorrere dal 2009, in maniera difforme rispetto a quanto dichiarato, alcune addirittura in aree prive di infrastrutture e mai rimosse al termine delle stagioni estive, così come invece prescritto dalle normative vigenti.

Redazione Administrator
×
Redazione Administrator

Comment here