MedicinaPrimo PianoSud Sardegna

Carloforte: Art. uno “Il paese è senza Pediatra. I sindaci del Sulcis Iglesiente intervengano!”

Condividi

Se le criticità che stanno colpendo la sanità del Sulcis Iglesiente sono gravi non di meno sono per gli abitanti che vivono nell’isola di un’isola: Carloforte. A rappresentare il problema la sezione locale di Articolo uno che in un comunicato scrive “Assistiamo, quotidianamente, all’impoverimento (all’apparenza programmato) delle strutture pubbliche , nelle risorse strumentali e in quelle umane, che prelude ad un passaggio definitivo al privato. Allo stato, è quasi impossibile ottenere prestazioni dalle strutture pubbliche. Inevitabile ricorrere al privato.

L’urgenza-emergenza vede, come virtuoso esempio di gestione, la chiusura del pronto soccorso di Iglesias; al Sirai di Carbonia si ammassano, alla disperata ricerca di cure urgenti, persone a centinaia; intere Comunità sono private della presenza dei medici di famiglia. Si potrebbe proseguire nel tristissimo elencare Servizi e Diritti negati ai cittadini di questa Regione, ma ci fermiamo – per ora –  e concludiamo con l’esempio di Carloforte, dove oltre alla catastrofe organizzativa che ha colpito la struttura esistente e che, drammaticamente, ne ha limitate l’efficienza e l’efficacia, si è verificata la mancanza, per nulla improvvisa, del pediatra di libera scelta, impedendo ai genitori di bambini da 0 a 14 anni, ma soprattutto da 0 a 6 anni, di poter iscrivere i propri figli ad un medico specialista pediatrico.”

I componenti della sezione puntano il dito contro l’organizzazione e l’azienda sanitaria “Eppure ne sono stati nominati a iosa, di nuovi dirigenti!

Noi chiediamo ai Sindaci  del Sulcis-Iglesiente, di operare per la difesa di un Diritto Costituzionale, il Diritto alla Salute, che viene attualmente negato ai cittadini locali.

Chiediamo che venga coinvolta la Società civile ed i cittadini tutti, con informazioni costanti e veritiere sul progredire di un programma – che oggi non c’è – teso al ripristino delle strutture sanitarie pubbliche, oggi sotto attacco , e alla regolare erogazione dei Servizi Essenziali.

Noi  faremo la nostra parte.”

Fonte: comunicato stampa

Redazione Administrator
×
Redazione Administrator

Comment here