Primo Piano

STATI UNITI D’AMERICA: IN ITALIA ALTO RISCHIO CORONAVIRUS E ATTACCHI TERRORISTICI

Condividi

Per gli Stati Uniti, l’Italia non solo è un paese da evitare per il pericolo di contrarre il Coronavirus ma perché esisterebbe un rischio permanente di terrorismo. L’avvertimento si può leggere sul sito del Governo degli Stati Uniti d’America nella pagina dedicata agli americani che intendono mettersi in viaggio indicando il Livello 3 come rischio per l’Italia (rivedere il viaggio) e di Livello 4 per Lombardia e Veneto (regioni italiane da evitare). Secondo le indicazioni dettate dagli USA il pericolo maggiore comunque  arriverebbe dal rischio di terrorismo in quanto sempre presente nella nostra nazione.

 “L’Italia – si legge nel sito – ha un rischio di vecchia data rappresentato da gruppi terroristici, che continuano a pianificare possibili attacchi in Italia. I terroristi possono attaccare con poco o nessun preavviso, colpendo località turistiche, centri di trasporto, mercati / centri commerciali, strutture del governo locale, hotel, club, ristoranti, luoghi di culto, parchi, importanti eventi sportivi e culturali, istituzioni educative, aeroporti e altre aree pubbliche.”

Un avviso generico che non contempla neppure a quale genere di terrorismo sia riferito e neppure se si tratti di un’allerta legata al terrorismo islamico. Comunque una cosa è certa: 300 milioni di americani sono stati informati che l’Italia è un paese ad alto rischio sia sanitario che terroristico. Ci sarebbe da chiedersi se sia stato un errore madornale fatto da chi era preposto all’aggiornamento del sito o se l’intelligence americano abbia informazioni che sfuggono al nostro governo e quindi a  tutti noi. Ma soprattutto: possibile che gli Ambasciatori e i consoli in Italia non abbiamo segnalato il grave errore al Governo americano? E il Governo Italiano come mai non si è indignato?

I danni economici che provocherà questa falsa indicazione li quantificheremo a breve e sicuramente per le strade italiane si vedranno pochi turisti!

Comment here